Primo Posto al concorso Radici del Sud 2018

Primi. Primi tra oltre cinquanta vini rosé del Sud Italia.

Il nostro Terra Cretosa Aleatico 2017 è stato premiato.

A decretarlo, lunedì 11 giugno 2018, sono state le giurie della tredicesima edizione di Radici del Sud, concorso e punto di riferimento più autorevole del panorama enologico meridionale che censisce e valorizza, attraverso la pubblicazione di tre differenti guide e in occasione del Salone dei Vini del Sud, le eccellenze dei vini prodotti dai vitigni autoctoni di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia.

La giuria Wine Writers, formata da giornalisti esperti del settore vitivinicolo, ha premiato come “migliore rosato da vitigno autoctono del Sud Italia” il Terra Cretosa Aleatico 2017 della cantina Borgo Turrito (Foggia).

Anche la Giuria Wine Buyers ha apprezzato il nostro Terra Cretosa Aleatico conferendo il secondo posto ex aequo.

È UNA PICCOLA-GRANDE RIVOLUZIONE

Per chi conosce il settore, quella delineata dai premi di Radici del Sud è una piccola-grande rivoluzione: il rosato, storicamente, è sempre stato un ‘primato’ del Salento, la terra che ha avuto per prima l’intuizione delle potenzialità espresse dai rosé. Oggi la Capitanata è al vertice. “E’ una soddisfazione enorme, non solo per il primo posto, ma per tutto il settore vitivinicolo di Capitanata che è cresciuto enormemente negli ultimi anni”, ha commentato Luca Scapola, consulente e imprenditore della cantina Borgo Turrito, a margine della cerimonia di premiazione che si è tenuta nel Castello di Sannicandro di Bari. “Faccio i miei complimenti ai colleghi: insieme stiamo facendo un lavoro eccellente, valorizzando diverse realtà finalmente condotte da giovani imprenditrici e giovani imprenditori”. Il settore vitivinicolo, in provincia di Foggia, è quello che sta mostrando il più alto indice di ricambio generazionale all’interno delle aziende e i risultati si vedono: puntare sui rosati e portarne la qualità ai vertici nazionali e internazionali è il primo segno di un percorso innovativo innestato, è il caso di dirlo, su una tradizione vitivinicola già molto importante. E non è tutto. Le giovani realtà del settore vitivinicolo di Capitanata investono di più e meglio in immagine, comunicazione, posizionamento del brand, internazionalizzazione, con un atteggiamento più attivo e da protagonisti sui mercati esteri.